Dona

Evento > Mix The Bubbles

Emergenza Clima sotto i cieli d’Europa

29-30 Aprile 2022 in Alessandria

EmailTwitterFacebookWhatsApp

Partecipa al workshop del ciclo "Fatti Sentire in Europa" per scoprire come cittadini possono far nascere una proposta di politica pubblica europea.

Iscriviti al workshop di Alessandria

Prenota il tuo posto

29-30 Aprile 2022 in Alessandria

Ci siamo più volte detti che “ne saremmo usciti migliori” ma dopo due anni di crisi pandemica mondiale ne siamo ancora convinti? E possiamo dire lo stesso delle nostre istituzioni?

 

Grazie anche alla pandemia ci siamo accorti che siamo immersi in bolle (o filter bubbles) che ci espongono a idee e notizie in linea solo con il nostro punto di vista e questo ci spinge verso interpretazioni sempre più parziali dei fenomeni globali e delle politiche pubbliche realizzate dalle nostre istituzioni.

 

Queste bolle investono in particolare temi importanti che ci toccano da vicino – la crisi climatica, la salute, il mondo del lavoro – polarizzando le opinioni, riducendo la possibilità di confronto e crescita e generando un senso di sfiducia e scetticismo verso il cambiamento sociale.

E quindi, come possiamo dare un contributo attivo, dal basso e come cittadini ai temi più caldi del nostro tempo?

Ci proviamo con il ciclo di workshop “Fatti sentire in Europa“, parte dei progetti NextGenU e Mix The Bubbles, che mirano ad alimentare il dibattito giovanile in 14 centri culturali su tematiche cruciali in Europa, sfidandoci a diventare noi stessi policy maker europei per un giorno.

Questo workshop si focalizza sul tema delle politiche europee di contrasto a quella che è considerata da molti la vera crisi del nostro tempo, ovvero quella climatica.

Ci accompagneranno in queste due giornate Luisa Chiodi, grande studiosa ed esperta di istituzioni europee e di storia e geopolitica dell’area est-europea, e Francesca Bellisai, policy advisor a ECCO, il primo think tank italiano sul Climate Change.

 

In primis, le cose importanti: giocare! Per conoscerci ci cimenteremo in un gioco di ruolo sul tema della partecipazione. 

 

Faremo poi un viaggio insieme a Luisa Chiodi tra i palazzi di Bruxelles e Strasburgo per capire cosa si fa tutti i giorni all’interno delle istituzioni europee e cosa possono fare i cittadini per far sentire la loro voce!

 

Il secondo giorno proseguiremo con un affondo sul tema delle politiche europee in campo di ambiente e clima in compagnia di Francesca Bellisai: scopriremo insieme come il Green Deal e il Recovery Fund siano due potenti strumenti per realizzare la transizione ecologica, e di molte altre iniziative e proposte che l’Europa sta mettendo in campo per raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica. Ma molti sono gli oppositori di questo programma che ogni giorno lavorano per ostacolare il lungo e tortuoso lavoro per realizzare la transizione verde. Cittadini e società civile sono chiamati a farsi sentire per sventare questo rischio. Immagineremo quindi di dare il nostro piccolo contributo alle future politiche pubbliche europee, riflettendo si come migliorare quelle attuali e proponendo nuove iniziative legislative dal basso.

Le proposte ideate in modo partecipato durante queste due giornate verranno caricate su una piattaforma e valutate da un gruppo di esperti. Una volta finalizzate, saranno pubblicate sulla piattaforma in modo accessibile a tutti e potranno essere votate.

I creatori delle proposte più votate saranno selezionati per vincere un viaggio di due giorni per partecipare all’evento finale del progetto!

Giorno 1 – Online

14.30 – Welcome e apertura lavori

15.00 – Come nasce una politica europea? con Luisa Chiodi

16.00 – Esercitazione

17.00 – Restituzione

17.30 – Chiusura Lavori

 

Giorno 2 – In presenza

 9.30 – Saluti e caffè

 9.45 – Apertura lavori

10.00Gioco di ruolo: Empaville Game

11.00 – Emergenza Clima sotto i cieli d’Europa o  con Francesca Bellisai

13.00Pausa Pranzo

14.00 – Esercitazione

15.00 – Definizione proposte di politiche pubbliche

17.00 – Caricamento delle proposte in Piattaforma online

18.00 – Saluti e Ringraziamenti

Il ciclo “Fatti sentire dall’Europa” si inserisce all’interno dei workshop del progetto NextGenU, sostenuto da Compagnia di San Paolo, e del progetto “Mix The Bubbles”, finanziato dalla Commissione Europea; e in collaborazione con il progetto Il Parlamento dei diritti, 3ª edizione”, co-finanziato dall’Unione Europea

Dove?

Casa di quartiere Borgo Rovereto, Alessandria

Luisa Chiodi

PhD in Scienze politiche e sociali presso l'Istituto Universitario Europeo di Fiesole (FI), laurea in Scienze politiche presso l'Università degli Studi di Milano, dirige Osservatorio dal 2006. Dal 2003 al 2008 è stata docente a contratto di Storia e istituzioni dell'Europa orientale presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Bologna e ha insegnato in numerosi corsi universitari in Italia e all'estero. Ha curato vari volumi, coordinato progetti di ricerca e si interessa di società civile e dinamiche sociali transnazionali.

website twitter

Francesca Bellisai

Francesca si occupa di politiche europee su clima ed energia. Prima di entrare in ECCO ha lavorato in una società di consulenza ambientale e come tirocinante presso la Commissione Europea ambiente, cambiamenti climatici ed energia (ENVE). Ha conseguito un master in relazioni esterne dell'UE presso la KU Leuven e un master presso l'Università di Padova in studi europei e globali.

website twitter

14:30-17:30

Unione Europea e policy: come funziona?

Con Luisa Chiodi

Evento gratuito

Osservatorio Balcani-Caucaso Transeuropa

Parleremo assieme di come funzionano le norme dell'Unione Europea e di come ideare, scrivere e intervenire sui processi legislativi in corso. Rifletteremo prima di tutto sul perché è importante partecipare, per poi capire chi sono i portatori d'interesse chiave e come contattarli.

09:30-18:00

Emergenza Clima sotto i cieli d’Europa

Con Francesca Bellisai

Evento gratuito

ECCO - The Italian Climate Change Think Tank

L'UE ha adottato una legislazione ambiziosa che coinvolge molteplici settori per attuare i suoi impegni internazionali in materia di cambiamenti climatici al fine di ridurre in modo sostanziale le emissioni nette interne di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. Il Green Deal fornisce all'UE il piano e la tabella di marcia per realizzare le sue ambizioni in materia di clima e il Recovery Fund ha permesso di allocare ingenti fondi alla transizione climatica, ma c’è ancora molto da fare per mantenere la rotta e raggiungere l’obiettivo. Gli avversari della rivoluzione verde infatti, sono numerosi e potenti, e ogni giorno lavorano per convincere tutti, soprattutto i decisori politici, che il cambiamento richiede una lunga fase di "transizione" che necessita di investire ancora sui vecchi sistemi (combustibili fossili, gas metano, ecc.). Cosa possono fare i cittadini e la società civile per aiutare l’Europa a raggiungere questo ambizioso ma necessario obiettivo?